Alba, tutto il mese di marzo dedicato alle donne

Alba, tutto il mese di marzo dedicato alle donne

 

L’Assessorato alle Pari opportunità del Comune di Alba, guidato dall’assessore Rosanna Martini, in collaborazione con la Consulta comunale per la realizzazione delle Pari Opportunità tra uomo e donna, le associazioni e gli enti del territorio, organizza e propone al pubblico la kermesse “Marzo Donna 2019. Eventi, incontri e tavole rotonde sulla figura femminile”.

Si tratta di un ricco calendario di appuntamenti fra sabato 2 e sabato 30 marzo nella capitale delle Langhe per celebrare la giornata internazionale della donna, ogni anno l’8 marzo, per ricordare le conquiste sociali, economiche e politiche, ma anche le discriminazioni e le violenze perpetrate sulle donne, in quasi tutte le parti del mondo. Ad Alba la serie di eventi per mantenere alta l’attenzione sul tema della prevenzione della violenza, accanto ad iniziative di festa ed incontri per riflettere sul ruolo della donna, sulla storia delle donne, sulla maternità, sulla salute, sul lavoro, va oltre la giornata dell’8 e coinvolge tutto il mese di marzo.

Il primo appuntamento è previsto sabato 2 alle 17 in sala Vittorio Riolfo (Via Vittorio Emanuele II n.19 – Cortile della Maddalena): le Doule del territorio presentano Marilde Trinchero, autrice del libro “La solitudine delle madri”. Durante l’incontro le Doule, (figure assistenziali non mediche e non sanitarie che si occupano del supporto alla donna durante tutto il percorso perinatale, dalla gravidanza al post-partum), presenteranno i vari sostegni ed i servizi locali a sostegno delle donne durante e dopo la gravidanza.

A seguire mercoledì 6 alle 20.30 in sala Beppe Fenoglio (Via Vittorio Emanuele II n.19 – Cortile della Maddalena) ci sarà “Creatrici di eccellenze”, a cura di Confartigianato Imprese Cuneo – Movimento Donne Impresa, per valorizzare l’artigianalità e l’eccellenza delle donne cuneesi, ambasciatrici di quel “saper fare” nel cibo che rende “unici” i sapori del nostro territorio.

Giovedì 7 marzo dalle 8 alle 18 nell’Ospedale San Lazzaro (Via Belli, 26) “Una rosa per fermare il tumore al seno”. Le volontarie dell’Andos (Associazione Nazionale Donne Operate al Seno) distribuiranno, ad offerta, rose a sostegno della ricerca e cura del tumore della mammella. Alle 17.30 nella sala “Casa Opere Diocesane” la Libreria L’Incontro propone “Brindisi alle donne” un appuntamento della rassegna “Invito alla poesia” al femminile per raccontare mestieri e professioni delle donne “Dalla Lavandaia alla Locandiera” con la professoressa Madì Drello.

Nel giorno della festa della donna, venerdì 8 marzo, dalle 18.30 alle 19.30 nella sede di Apro Formazione (Corso Barolo, 8) c’è “Ago, Filo, Trucco, Parrucco. La donna, ieri, oggi … e domani?”, una passerella con gli studenti della scuola per rappresentare i volti delle donne. L’evento è a cura dell’associazione “Mai + Sole” e di Apro Formazione. Lo stesso giorno, il “Gruppo Terziario Donna Alba”, aderente all’A.c.a. Associazione Commercianti Albesi, propone l’iniziativa “8% per l’8 marzo”: in collaborazione con “Alba sotto le Torri”, “Albauno” e “Albapiù”, i negozi aderenti all’iniziativa riconosceranno uno sconto dell’8% a tutte le donne, nella giornata dell’8 marzo. I negozi aderenti all’iniziativa sono riconoscibili grazie ad una locandina sulla vetrina raffigurante una donna stilizzata con tema floreale. Sempre a cura del Gruppo Terziario Donna Alba è in programma la cena benefica “Fiera di essere Donna” all’Accademia Alberghiera di Alba – Apro Formazione, alle 20. Il ricavato della serata sarà devoluto all’associazione “Mai + Sole” che da anni si occupa delle donne e dei bambini vittime di violenza.

Il giorno successivo, sabato 9 marzo. Dalle 8 alle 13 in Via Cavour, angolo Piazza San Francesco, l’associazione “Mai + Sole” offrirà sacchetti di pane con lo slogan “La violenza sulle donne è pane quotidiano” per sensibilizzare la popolazione affinché la violenza fisica e psicologica non diventi … pane quotidiano. Dalle 9.30 alle 13 nella sala conferenze di Palazzo Banca d’Alba (Via Cavour, 4), la Fidapa – BPW Italy sezione di Alba organizza il convegno “Donna e Sport”. Nel pomeriggio alle 15 nella Libreria Bookeria (Via Paruzza, 8) “Donne d’Essenza: Laboratorio sensoriale che nasce all’insegna della domanda provocatoria: “Qual è il profumo di ogni anima?”. Alle 16 nella Libreria Marameo (Via Belli n.20/B) “Storie di donne. Vieni a conoscere Malala”, per un ciclo di appuntamenti dedicati a figure femminili che hanno segnato o stanno ancora segnando la storia.

Infine in serata alle 21 sul palco della sala “Michelangelo Abbado” del Teatro Sociale “G. Busca” (Piazza Vittorio Veneto, 3), nell’ambito della stagione teatrale, in collaborazione con l’assessorato alle Pari opportunità, c’è lo spettacolo “Traviata l’intelligenza del cuore” di Lella Costa e Gabriele Vacis, con il maestro Davide Carmarino al pianoforte, Scilla Cristiano soprano, Giuseppe Di Giacinto tenore. Musica Giuseppe Verdi, Franco Battiato, Tom Waits e Marianne Faithufull. Lella Costa torna a confrontarsi con l’opera teatrale-musicale scritta con Gabriele Vacis che rende omaggio a tutte le “traviate” del mondo. E lo fa non solo attualizzando un tema che continua ad essere centrale nella sua poetica, ‘l’intelligenza del cuore’, ma rivedendo insieme a Gabriele Vacis la messinscena.

Si prosegue domenica 10 marzo dalle 10 alle 16 al Fuori CitaBiunda (Via Biglino, 1) c’è “We want sex (equality)”. A cura del Collettivo De-Generi, un confronto sul mondo del lavoro in relazione a genere e sessualità con le sociologhe Cristina Solera e Giulia Selmi. Ancora in giornata ci sarà l’iniziativa “In Bici con le Donne”, una biciclettata non competitiva su un percorso 7 chilometri lungo le vie e le strade di Alba, con ritrovo alle 13.30 e partenza alle 14 dal piazzale ex deposito Satti in Corso Matteotti. L’evento è organizzato da Gruppo Terziario Donna Alba dell’A.c.a., in collaborazione con la Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta). Per l’iniziativa, l’Amministrazione comunale e Bus Company metteranno a disposizione 30 bici a pedalata assistita.

Più tardi, alle 16 nella sala Consiglio “Teodoro Bubbio” del Palazzo comunale incontro con la campionessa di Handbike Francesca Fenocchio, medaglia d’argento alle Paralimpiadi di Londra 2012.

La rassegna riprende mercoledì 13 marzo alle 20.30 nel Cine Teatro Moretta (Corso Langhe, 106) con lo spettacolo teatrale “Scarpette rosse – Storia di un desiderio”. Una drammaturgia di Emanuele Aldrovandi sulla tematica della ricerca dell’individualità nell’adolescenza, con la regia di Massimo Somaglino. Con Alessia Candido e Miriam Costamagna voce madre, Francesca Porrini scene, Eliana Borgonovo e Andrea Lopez Nunes costumi e realizzazione pupazzo, Eliana Borgonovo disegno luci, Roberta Faiolo assistente regia, Andrea Lopez Nunes organizzazione, Paola A. Binetti produzione BIBOteatro. Per adulti e ragazzi dai 9 anni, della durata di 50 minuti. L’evento è a cura dell’associazione Omeopatica Albese.

Giovedì 14 dalle 20.30 la Libreria Bookeria propone “Da Donna a Donna”. Una serata dedicata al piacere femminile guidata da Manuela Moretto.

Altro evento venerdì 15 alle 21 nella sala “Casa Opere Diocesane” in via Mandelli, 9 l’Ufficio Pastorale per la famiglia della Diocesi propone “Maria di Magdala e Madeleine Delbrel: quando la testimonianza è donna!”. Interverranno Lidia e Battista Galvagno.

Sabato 16 alle 16 nella Libreria Marameo (Via Belli n.20/B) “Storie di donne. Vieni a conoscere Margherita Hack”. Mentre dalle 17.30 nella Libreria Bookeria c’è “Al femminile. Autori, autrici e personaggi senza stereotipi attraverso la letteratura”. A cura di Mariapaola Pesce coordinatrice del progetto Omero. Gli scrittori raccontano i libri.

Mercoledì 20 alle 21 nella sala “Casa Opere Diocesane” l’associazione Famigliarmente propone “Il piacere di scoprire e scoprirti: piccolo viaggio alla scoperta del nostro essere donna nella società, nella famiglia e dentro di noi”. Con Valentina Politanò, psicologa e psicoterapeuta, una serata di incontro attraverso esercizi di comunicazione non verbale, espressioni corporee e giochi di ruolo.

Giovedì 21 dalle 17 alle 18.30 nella Libreria Bookeria ci sono le “Letture animate per bambini: Il drago Aidar”, a cura di Luna di Lana Animazione.

Sabato 23 alle 16 nella Libreria Marameo “Storie di donne. Vieni a conoscere Rita Levi Montalcini”. Dalle 18 la Libreria Bookeria propone il “Laboratorio creativo di pittura con il vino” grazie a Purpleryta.

Lunedì 25 marzo dalle 20.30 nella Libreria Bookeria un evento serale legato alla Pasqua, a cura della wedding planner Cinzia Gai. Un altro evento è previsto venerdì 29 dalle 8.30 alle 18.30 nel Palazzo Mostre e Congressi “G. Morra” (Piazza Medford, 3), con il convegno “La contraccezione difficile dall’adolescenza alla menopausa”, giornata di approfondimento rivolta agli operatori sanitari che si occupano del tema della contraccezione.

Ultimi appuntamenti della manifestazione sabato 30 marzo. Alle 16 nella Libreria Marameo c’è “Storie di donne. Vieni a conoscere Rosa Parks”.

In programma anche il progetto “Farsi del bene fa bene”, a cura dell’associazione Zonta Club Alba Langhe e Roero, in collaborazione con l’Assessorato alle Pari Opportunità e l’associazione Mai + Sole per un percorso di autodifesa ed autostima rivolto alle donne albesi. Sono in programma quattro appuntamenti settimanali, con la prima sessione sperimentale giovedì 7 marzo dalle 18.30 alle 20 nel salone Polifunzionale del Centro Anziani comunale di Via G. Govone, 11.

«La rassegna Marzo Donna – dichiara l’assessore comunale alle Pari opportunità Rosanna Martini – è giunta alla quinta edizione. Negli anni il calendario si è arricchito enormemente grazie alla collaborazione con la Consulta per la realizzazione delle Pari Opportunità e le numerose associazioni e realtà cittadine. Sull’argomento è stato fatto un lavoro pressoché costante anche in altri periodi dell’anno con diverse iniziative anche nelle scuole, per mantenere alta l’attenzione sui diritti delle donne e non darli mai per scontati. È un lavoro di sensibilizzazione importante che deve continuare, soprattutto per prevenire e contrastare il fenomeno della violenza sulla donna ma anche per raggiungere quella parità di diritti tra uomo e donna purtroppo ancora distante».