• Home »
  • Eventi »
  • Alba, Non solo marzo, una serie di appuntamenti dedicati alla donna e non solo
Alba, Non solo marzo, una serie di appuntamenti dedicati alla donna e non solo

Alba, Non solo marzo, una serie di appuntamenti dedicati alla donna e non solo

 

Nella Giornata internazionale dei diritti della Donna, l’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Alba e la Consulta per le Pari Opportunità propongono gli eventi di “Non solo Marzo – Oltre la parità di genere”, una serie di appuntamenti che si prolunga nel tempo come ormai tradizione ad Alba.

«Il mese di marzo è il mese della rinascita, della primavera – commenta l’Assessore alle Pari Opportunità Carlotta Boffa. Abbiamo organizzato con la Consulta per le Pari Opportunità gli eventi di Non solo Marzo con la voglia di ripartire e con l’ottimismo di cui abbiamo bisogno.

Il momento più importante di queste iniziative sarà la firma di un documento che unirà la nostra Città ad altri Comuni ed enti piemontesi con l’intento di attivare azioni concrete sui temi della parità.

Ogni evento sarà dedicato alla donna, ai traguardi che ha raggiunto, in tutti gli ambiti. Iniziamo con Emanuela Aureli, che ci racconterà il suo percorso artistico attraverso l’imitazione di tantissime donne famose. Continueremo con le attrici di Alba, penalizzate professionalmente in questo anno difficile, che daranno voce a casalinghe, filosofe, imperatrici, toccando gli ambiti variegati del mondo femminile. La mostra di Viviana Gonella ci mostrerà un collage di volti di donne; ricorderemo tre grandissime compositrici del passato con l’Alba Music Festival e ascolteremo su Radio Alba la musica tinta di rosa.

I commercianti esporranno nelle loro vetrine un fiore giallo, a simboleggiare la luce, la ripartenza e la fierezza di essere donna».

Il primo appuntamento sarà l’importante firma dell’8 marzo al mattino in Municipio. Il Sindaco di Alba Carlo Bo firmerà un documento di intenti contro il femminicidio, promosso dall’Associazione Culturale “La Città delle Donne” di Torino, volto alla nascita di tavoli di lavoro condivisi con altri Comuni piemontesi per avviare insieme azioni concrete di parità a favore delle fasce più deboli.