• Home »
  • Eventi »
  • Asti, in quattro circoli ricreativi uno “Sportello amico” per gli anziani
Asti, in quattro circoli ricreativi uno “Sportello amico” per gli anziani

Asti, in quattro circoli ricreativi uno “Sportello amico” per gli anziani

 

L’assessore alle Politiche Sociali di Asti, Mariangela Cotto ha incontrato il direttore Francesco Russo e la Coordinatrice Rebecca Reposi della Coop. Sociale Marta che ha in appalto il servizio dell’assistenza domiciliare del Comune di Asti, per un incontro di verifica sull’andamento dell’iniziativa promossa a favore dei cittadini over 65 realizzata in collaborazione con i Circoli Ricreativi del territorio.

All’incontro hanno preso parte l’operatrice, Cristina Bonasso, che sta svolgendo l’attività nei Circoli e l’assistente sociale del Comune di Asti-Servizio Anziani, Egle Amich.

«Mi sento di dire che la mia presenza nei Circoli ha la funzione di uno Sportello Amico» queste le parole di Cristina Bonasso, nel raccontare la sua esperienza. Uno spazio d’incontro in cui il rilevamento dei parametri vitali diventa occasione per creare avvicinamento, fiducia in cui gli anziani si sentono liberi di raccontarsi trovando soprattutto, un punto di riferimento anche per informazioni relative ai servizi che il Comune eroga in loro favore.

Da una prima analisi è emerso che degli otto circoli che hanno aderito all’iniziativa solo in quattro (Way-Assauto, Nuovo Circolo Nosenzo, Sempre Uniti, San Domenico Savio) si è riscontrato una maggiore affluenza che può pertanto giustificare la presenza di due ore alla settimana di un operatore dei servizi sociali, proseguendo l’iniziativa fino a fine dell’anno.

Sarà quindi, distribuito nei circoli, un volantino con i riferimenti degli operatori a cui rivolgersi in comune per servizi come, assistenza domiciliare, telesoccorso, pasti a domicilio.

Questa iniziativa, dichiarano il sindaco Maurizio Rasero e l’assessore Mariangela Cotto, vuole essere anche uno strumento con cui raccogliere le necessità di una parte di popolazione quella anziana che a volte per orgoglio o per mancanza d’informazioni, non esprime i propri bisogni e non sa chiedere aiuto rimanendo nel silenzio.

 

Nella foto: da sinistra: Cristina Bonasso, Rebecca Reposi, Francesco Russo, Roberto Giolito, Egle Amich