Ven. Dic 2nd, 2022

 

Si è svolta sabato 12 novembre ad Asti, presso l’aula magna “Umberto Veronesi” del Polo universitario Astiss la conferenza “La malattia oncologica nell’adulto e nel bambino – guarire meglio, guarire di più” appuntamento annuale dedicato alla salute promosso da Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori) Lions e Leo club e Fondazione Cassa di Risparmio di Asti.

Dalla conferenza sono emerse notizie importanti oltre ai temi trattati nel corso della mattinata, di grande interesse per capire il progresso della scienza medica nel settore e il lavoro psicologico necessario per affrontare una situazione delicata che rischia di rovinare la vita di intere famiglie.

Dal Lions club international distretto 108 arrivano 10.000 euro per la ricerca sui tumori destinati alla Fondazione Veronesi. Inoltre il presidente della Fondazione CrAsti Mario Sacco ha parlato edel supporto al progetto per realizzare ospice per malati terminali che rendano la lorro qualità della vita migliore possibile.

Il convegno, introdotto da Franca Fagioli, direttore del Dipartimento di patologia e cura del bambini dell’Ospedale Regina Margherita di Torino ha illustrato in particolare l’impatto psicologico e sociale della malattia oncologica sui più giovani, fra bambini e adolescenti per valutare e proporre soluzioni percorribili, ne hanno parlato Giulia Zucchetti, psicoterapeuta, Anna Campello, pediatra, Carlo Alberto Redi, accademico dei Lincei. Le conclusioni sono state affidate a Paolo Veronesi, presidente della Fondazione Umberto Veronesi.

Alla Fondazione Veronesi e all’ospedale Regian Margherita di Torino sono andati i contributi di Lions e Leo club di Villanova D’Asti, da parte di un socio in memoria della moglie, da parte della Lilt per il centenario della Fondazione italiana e da parte della Fondazione Cassa di risparmio di Asti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.