Ven. Lug 19th, 2024

 

Giovedì 31 agosto nel Palazzo comunale di Alba, il sindaco Carlo Bo ha salutato e ringraziato il capitano Giovanni Ronchi comandante della compagnia dei Carabinieri di Alba trasferito alla Compagnia dei Carabinieri di Ragusa, in Sicilia, da settembre.

Contestualmente nello stesso incontro, il primo cittadino ha accolto in città il nuovo capitano Giuseppe Santoro al comando della compagnia dei Carabinieri albese da martedì 5 settembre.

«Durante il doppio cordiale incontro nel mio ufficio in municipio – dichiara il sindaco Carlo Bo – ho rivolto un caloroso ringraziamento al capitano Ronchi per il grande lavoro svolto nella nostra città fin dal suo insediamento il 17 settembre 2020 ed ora trasferito ad altro incarico in Sicilia. Contestualmente ho assicurato collaborazione ed augurato buon lavoro al nuovo capitano Giuseppe Santoro».

Il capitano Giuseppe Santoro è nato a Barletta nel 1991, ha frequentato, dapprima, la scuola navale Francesco Morosini di Venezia, quindi l’Accademia militare di Modena e la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma. Al termine del percorso formativo è stato destinato, nel 2018, al IV° Battaglione Carabinieri “Veneto”, dove ha preso parte a numerosi eventi di ordine pubblico per la gestione di grandi manifestazioni. Ha fatto, quindi, un’esperienza all’estero quale Comandante di Compagnia nel Reggimento MSU a Pristina, in Kosovo.

Rientrato in Italia, nel 2021, è stato destinato al Comando del Nucleo Operativo e Radiomobile di Rho, nel milanese, ove si è cimentato con complesse indagini di polizia giudiziaria e con le problematiche tipiche della periferia di una grande metropoli. Durante il biennio a Rho ha anche retto, per sei mesi, il Comando in sede vacante della locale Compagnia Carabinieri.

sposato e laureato in Giurisprudenza, Scienze dell’amministrazione e delle Politiche Pubbliche e Scienze Criminologiche Investigazioni e Sicurezza, il Capitano Santoro ha anche frequentato un Corso di Perfezionamento Universitario in Strumenti Giuridici di prevenzione e contrasto alla violenza di genere.

 

Foto Gisella Divino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.