• Home »
  • Eventi »
  • Castagnole Lanze, l’Amministrazione decide di togliere le panchine per il Coronavirus
Castagnole Lanze, l’Amministrazione decide di togliere le panchine per il Coronavirus

Castagnole Lanze, l’Amministrazione decide di togliere le panchine per il Coronavirus

 

L’Amministrazione comunale di Castanole Lanze, guidata dal sindaco carlo Mancuso, ha preso una decisione drastica nel tentativo di stimolare la sua cittadinanza a restare in casa in questo periodo di emergenza da Coronavirus. Quella di rimuovere tutte le panchine da piazza San Bartolomeo, piazza Marconi e nelle zone limitrofe. Nella comunicazione data attraverso i social network ha anche aggiunto: “Oggi ho provveduto, in condivisione con le Forze dell’ordine, ad un ordine di servizio per i volontari del gruppo Carabinieri in congedo, Polizia municipale di ordinare di mandare a casa tutti i cittadini che, senza giustificato motivo, sono in giro per il paese”.

Ha concluso: “Ricordo ancora una volta che a fare la spesa si deve andare solo una volta a settimana e quando andiamo manteniamo le distanze dagli altri clienti. Le sigarette, per chi fuma, le compri in quantità per il fabbisogno di una settimana. Non si deve uscire di casa. Andrà tutto bene se saremo tutti responsabili delle nostre azioni”.

Dalla Regione oltre a quelli del contagio si danno anche i numeri dei nuovi operatori sanitari assunti in seguito all’emergenza. Dall’insediamento dell’Unità di crisi della Regione Piemonte ad oggi, sono complessivamente 1.099 le risorse umane aggiuntive assunte dalle aziende sanitarie regionali del Piemonte per fronteggiare l’emergenza. Si tratta di 214 medici, 497 infermieri e 388 operatori socio sanitari.

In particolare, le nuove risorse risultano così distribuite per Asl: 190 Asl T03, 140 Città di Torino, 117 Ospedale Novara, 110 Città della Salute di Torino, 99 Asl Vercelli, 89 Asl Cn1, 70 Ospedale San Luigi Orbassano, 49 Asl Alessandria, 41 Ospedale Santa Croce Carle Cuneo, 40 Ospedale Mauriziano Torino, 33 Asl To4, 28 Ospedale di Alessandria, 26 Asl Biella, 23 Asl To5, 23 Asl 23, 10 Asl Cn2, 6 Asl Novara e 5 Asl Vco.

I numeri aggiornati alla mattina di oggi, sabato 21 marzo indicano in 14 i nuovi decessi di persone positive al test del “Coronavirus Covid-19”: 6 in provincia di Torino, 3 nel Novarese, 5 nel Cuneese.

Il totale complessivo è ora di 238 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi su base provinciale: 71 ad Alessandria, 8 ad Asti, 25 a Biella, 18 a Cuneo, 31 a Novara, 55 a Torino, 14 a Vercelli, 12 nel Verbano-Cusio-Ossola, 4 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte.

Sono 3.752 le persone complessivamente finora risultate positive al “Coronavirus Covid-19” in Piemonte: 654 in provincia di Alessandria, 166 in provincia di Asti, 182 in provincia di Biella, 265 in provincia di Cuneo, 330 in provincia di Novara, 1.680 in provincia di Torino, 210 in provincia di Vercelli, 149 nel Verbano-Cusio-Ossola, 55 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 61 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

Le persone in terapia intensiva sono 301.

I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 10.701, di cui 6.341 risultati negativi.

 

Nella foto di Fnegro, la parte alta di Castagnole Lanze