• Home »
  • Eventi »
  • Asti, donazione di mascherine all’ospedale dalla Polizia municipale
Asti, donazione di mascherine all’ospedale dalla Polizia municipale

Asti, donazione di mascherine all’ospedale dalla Polizia municipale

 

La Polizia Municipale di Asti si dimostra vicina al proprio territorio, anche in questi momenti di emergenza sanitaria: in accordo con il Commissario dell’Asl AT Messori Ioli, il Comando di Polizia Municipale di Asti ha donato 10 mascherine FFP3 con valvola per il loro utilizzo nei reparti dell’Ospedale astigiano.

«Tali mascherine facciali sono parte della dotazione in uso al Corpo di Polizia Municipale di Asti per i servizi che gli agenti stanno svolgendo in questi giorni. Abbiamo accolto prontamente l’appello fatto dal Dott. Messori Ioli ed insieme al Comandante della Polizia Municipale Riccardo Saracco è stato individuato un numero di mascherine facciali FFP3 con valvola, prontamente consegnate all’Ospedale di Asti e messe a disposizione del personale sanitario.
Cogliamo l’occasione per ringraziare nuovamente tutto il personale sanitario dell’Ospedale di Asti al lavoro in questa situazione così difficile, tutte le Forze dell’Ordine presenti sul territorio per il controllo e rispetto delle norme e delle regole di limitazione del contagio» dichiarano il sindaco di Asti Maurizio Rasero e l’assessore alla Polizia municipale Marco Bona.

Inoltre questa mattina, martedì 24 marzo, il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte Luigi Genesio Icardi hanno compiuto un sopralluogo all’ospedale di Verduno per verificare e coordinare la prosecuzione delle operazioni che porteranno all’apertura, in settimana, della nuova struttura sanitaria interamente dedicata alla cura dei pazienti contagiati dal coronavirus covid19.

«Stiamo provvedendo alle nomine dei primari e dei responsabili sanitari, degli infermieri e dei tecnici che presiederanno l’ospedale – dichiara l’assessore regionale Icardi –, abbiamo ricevuto la disponibilità di molti professionisti di primo piano, che sono già al lavoro. Anche per le apparecchiature, siamo a buon punto. Apriremo con i primi trenta letti, implementando la struttura passo dopo passo. Ringraziamo tutti quelli che ci stanno dando una mano, dagli operatori sanitari, alla ditta Mgr, dalla Fondazione nuovo Ospedale Alba Bra, ai numerosi benefattori che stanno investendo impegno e risorse economiche per far fronte a questa comune battaglia contro il virus».

Per quanto riguarda i numeri della Regione, aggiornati alla mattinata di oggi, Sono 37 i decessi di persone positive al test del “Coronavirus Covid-19” comunicati dall’Unità di Crisi della Regione:18 in provincia di Torino, 1 nel Biellese, 1 nell’Astigiano, 1 nell’Alessandrino, 1 nel Vercellese, 7 nel Novarese e 6 nel Verbano-Cusio-Ossola.

Il totale complessivo è ora di 374 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi su base provinciale: 93 ad Alessandria, 13 ad Asti, 35 a Biella, 24 a Cuneo, 54 a Novara, 104 a Torino, 20 a Vercelli, 25 nel Verbano-Cusio-Ossola, 6 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte.

Invece sono 5.515 le persone finora risultate positive al test del virus in Piemonte: 946 in provincia di Alessandria, 235 in provincia di Asti, 280 in provincia di Biella, 409 in provincia di Cuneo, 471 in provincia di Novara, 2.496 in provincia di Torino, 290 in provincia di Vercelli, 229 nel Verbano-Cusio-Ossola, 54 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 105 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 360. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 15.469, di cui 9.455 risultati negativi.

 

Nella foto una stanza dell’ospedale di Verduno che verrà aperto a giorni