Asti, via libera al piano di dimensionamento scolastico

Asti, via libera al piano di dimensionamento scolastico

 

Si è svolta lunedì 2 novembre, in videoconferenza, la Conferenza territoriale per il Dimensionamento Scolastico e l’Offerta formativa della Provincia di Asti.

L’assemblea, presieduta dal Presidente Paolo Lanfranco e condotta dal Consigliere delegato Andrea Giroldo, ha visto la partecipazione di molti dirigenti scolastici degli istituti comprensivi del territorio e del capoluogo, i dirigenti scolastici delle scuole superiori astigiane, molti sindaci e il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale. Diverse le proposte pervenute alla Provincia dai vari attori coinvolti, proposte analizzate attentamente da uffici e amministratori nel corso delle passate settimane.

I responsi sono stati comunicati in sede di conferenza e verranno deliberati dal Consiglio provinciale nelle prossime settimane, dopo l’approvazione definitiva delle Linee guida regionali. Spetterà poi alla Regione Piemonte confermare le decisioni della Provincia.

Fra le misure approvate: parere favorevole sulla proposta di statizzazione della scuola dell’infanzia di Pratomorone, richiesta dal Comune di Tigliole, che, se l’iter risulterà conforme all’atto d’indirizzo regionale, verrà quindi assorbita dall’istituto comprensivo di San Damiano.

Posticipato invece al piano di dimensionamento 2022/2023 il progetto per la creazione di un Istituto Comprensivo n. 4 in Città di Asti, che ricomprenda le tre direzioni didattiche ancora scoperte e la scuola media Brofferio.

Confermato l’accordo tra Provincia e Comune di Asti, nel caso in cui si palesi l’esigenza, per la creazione di una sezione aggiuntiva dell’infanzia nella scuola De Benedetti.

Confermata la richiesta per il mantenimento dei plessi scolastici in deroga rispetto al numero minimo di allievi. Nei prossimi giorni i Comuni interessati saranno invitati a deliberare in tal senso.

Dal punto di vista dell’offerta formativa, luce verde al corso di studio su trasporti e logistica presso il Giobert di Asti; parere favorevole per l’attivazione del corso serale informatico erogato in sinergia tra Artom e Cpia; infine via libera al corso serale per operatore professionale meccanico, presso la città di Canelli, erogato in sinergia tra Artom e Cpia.

«Complimenti a tutti per l’attività svolta – commenta il Presidente della Provincia Paolo Lanfranco – il momento presente richiede uno sforzo particolare per far fronte quotidianamente all’emergenza sanitaria e, al contempo, per essere capaci di progettare il futuro che verrà secondo le esigenze reali del territorio. La scuola sta attraversando un momento di grande incertezza ma quando questa situazione finirà il sistema scolastico provinciale di Asti sarà pronto per essere al passo con i tempi e per cogliere ogni opportunità».

«Abbiamo fatto un ottimo lavoro di squadra tra istituzioni – aggiunge il Consigliere delegato Andrea Giroldo – portando a casa risultati concreti. La proposta per l’attivazione del corso di trasporti e logistica al Giobert risponde all’esigenza di nuove professionalità nel settore sul nostro territorio: il Terzo Valico farà infatti della nostra Provincia il retroporto di Genova e Savona. Bene anche la possibilità di mantenere i plessi in deroga sul territorio: i nostri piccoli comuni non possono permettersi di perdere un servizio fondamentale come la scuola, senza contare che mantenere le autonomie significa anche tutelare posti di lavoro».

Nella foto Andrea Giroldo, consiglere delgato al dimensionamento scolastico