Asti, incontro in Comune con i volontari del Servizio civile

Asti, incontro in Comune con i volontari del Servizio civile

 

Venerdì 18 giugno il sindaco di Asti Maurizio Rasero ha consegnato agli operatori volontari del Servizio Civile avviati il 25 maggio la maglietta con i loghi del Comune di Asti, del Servizio Civile Universale e quello prodotto dai volontari dello scorso bando che identifica l’Ufficio Scu del Comune di Asti e dei suoi enti partner. Insieme alla maglietta i ragazzi hanno ricevuto anche una chiavetta usb personalizzata. L’iniziativa è nata dall’esigenza di identificare i volontari come operatori del Servizio Civile Universale nell’ambito delle attività progettuali presso le varie sedi al fine di dare maggiore visibilità alle iniziative promosse dagli enti beneficiari.

All’incontro ha partecipato anche l’assessore alle Politiche sociali, Volontariato e Sanità Mariangela Cotto che ha consegnato agli operatori volontari una copia del libro“ Insieme per la Città” stampato con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo, che racconta le testimonianze della solidarietà a 360°, in un momento di grande disperazione, come quello che la nostra città ha passato nel periodo del lockdown. La pubblicazione documenta interventi attuati da associazioni di volontariato, istituzioni e da singole persone, tra cui anche i volontari di servizio civile dell’ultimo bando, che sono andati oltre il proprio dovere supportando i cittadini in difficoltà.

«Il fatto che ogni volontario del Servizio civile possa avere indumenti identificativi con i loghi personalizzati – ha sottolineato l’Assessore Cotto – è un elemento distintivo affinché anche l’utenza riconosca quanti in quel momento si stano occupando delle loro problematiche, vale a dire operatori volontari selezionati dalle istituzioni».

«Credo – aggiunge il sindaco – che, nel corso degli anni il Servizio civile sia stato anche un modo per formare tanti giovani verso attività di natura civica. Comunicare attraverso la consegna delle pubblicazioni vuol essere uno stimolo per coinvolgere sempre più i giovani in queste attività».