• Home »
  • Eventi »
  • A Castagnole Lanze lo spettacolo teatrale Magnificat con Lucilla Giagnoni
A Castagnole Lanze lo spettacolo teatrale Magnificat con Lucilla Giagnoni

A Castagnole Lanze lo spettacolo teatrale Magnificat con Lucilla Giagnoni

 

Nell’ambito del festival teatrale estivo “Paesaggi e oltre” promosso dal Teatro degli Acerbi nel territorio della “Comunità delle Colline fra Langa e Monferrato”, mercoledì 28 luglio alle 21.30 andrà in scena “Magnificat”, di e con Lucilla Giagnoni (collaborazione ai testi Maria Rosa Pantè, musiche Paolo Pizzimenti e assistente alla regia Daniela Falconi).

Un posto inedito per il festival, un angolo di mondo da scoprire nella quiete di un’altura a Castagnole delle Lanze, in un grande prato con a fianco una storica tenuta ed un maneggio.

Ospite un’attrice straordinaria, Lucilla Giagnoni, che porta in scena l’ultimo spettacolo della trilogia dell’umanità: una nuova e allo stesso tempo antica riflessione sul femminile, prendendo le mosse dalla preghiera del Magnificat che ha nelle sue prime parole anche un riferimento all’umiltà. Un affascinante ed evocativo viaggio alle origini degli archetipi di femminile e maschile, dagli antichi miti alla storia del cristianesimo e delle religioni fino alle fiabe per bambini.

«Terra è Humus – spiega Lucilla– da cui la parola Homo, e non invece Donna che viene da Domina, Signora, quasi a compensare con un titolo ciò che non è. O non è ancora. Come non è che Homo, Humus, conosca e pratichi l’Humilitas, l’umiltà, cioè l’essere in armonia con la Terra. E così, dopo l’invito alla lode, al rendere grazie e alla cura, è proprio l’umiltà ciò a cui ci chiama il Cantico delle creature».

Umiltà e femminile, quindi; elementi essenziali per la storia dell’umanità che, però, non sono mai stati centrali nella discussione pubblica dominata dagli uomini e dal maschile. Per questa ragione Lucilla Giagnoni prova, con questo Magnificat, a proporre una svolta per il futuro: «le Generazioni, cioè la Storia, cioè il nostro agire, dovranno d’ora in poi riconoscere tutto questo. Solo se dalla Terra riemergerà il Femminile, ci sarà una possibilità per tutti di futura convivenza, non solo nella sopravvivenza, ma nella beatitudine, cioè nella felicità».

Lo spettacolo sarà preceduto da “Pillola di paesaggio” condotta da Roberto Cerrato, direttore del Sito Unesco.

Servizio navetta a Castagnole Lanze dalle ore 20 da piazza Lucchini e piazza Carlo Giovannone
Prezzo: 13 euro, 5 per i bambini fino ai 12 anni. Prenotazione (non obbligatoria): 3392532921 – info@teatrodegliacerbi.it