• Home »
  • Eventi »
  • Alba, inaugurata la Fiera internazionale del Tartufo Bianco, alla presenza di due ministri
Alba, inaugurata la Fiera internazionale del Tartufo Bianco, alla presenza di due ministri

Alba, inaugurata la Fiera internazionale del Tartufo Bianco, alla presenza di due ministri

 

Il taglio del nastro della 91esima Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, venerdì 8 ottobre, ha visto la presenza sul palco del Teatro Sociale “G. Busca” di due rappresentanti del Governo: il ministro per il Sud e la Coesione territoriale e il ministro del Turismo.

A fare gli onori di casa e a dare il benvenuto ai presenti l’assessore al Turismo e manifestazioni della Città di Alba, che ha annunciato una Fiera improntata sulla sicurezza e sulla qualità dell’offerta, nel segno di una ripartenza di lungo periodo già registrata nei dati dei flussi turistici estivi. Dopo l’ingresso in scena degli attesi protagonisti della Fiera, i pregiati tartufi bianchi, portati sul palco dalla Bela trifolera dei Borghi, è arrivato il momento del classico talk condotto quest’anno da Massimo Giannini, direttore de La Stampa, durante il quale si sono confrontati sui temi di più stretta attualità – a partire dall’impegno a ogni livello istituzionale per la ripresa post pandemia – il Presidente della Regione Piemonte, il sindaco della Città di Alba e la presidente dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba Liliana Allena, con gli interventi dei Ministri ospiti.

Il sindaco di Alba, dopo aver ringraziato i Ministri per la loro presenza alla cerimonia, ha introdotto i temi urgenti per la città, capofila di un territorio che da sempre lavora in stretta sinergia. Ne sono esempio gli ultimi importanti traguardi raggiunti insieme: l’essere stati scelti come sede per la Global Conference on Wine Tourism, per la prima volta in programma in Italia, Alba quest’anno Capitale della Cultura d’Impresa, l’imminente realizzazione del Mudet, il Museo del tartufo diffuso, le prossime celebrazioni per il centenario dello scrittore Beppe Fenoglio. Il primo cittadino ha sottolineato come il completamento dell’autostrada Asti-Cuneo, tema ricorrente di tutte le ultime inaugurazioni, sia finalmente a un punto di svolta con la riapertura del cantiere per arrivare a realizzare gli ultimi, fondamentali, dieci chilometri. Anche per il terzo ponte sul Tanaro è stato fatto un grande passo avanti: sono stati recuperati i 12 milioni dei fondi Crosetto ed è stata firmata la convenzione con la Provincia. Il sindaco ha assicurato che Alba farà la sua parte, ma ha chiesto al Governo di fare altrettanto.

La risposta dei rappresentanti nazionali non si è fatta attendere. Il ministro per la Coesione territoriale ha dato un’importante notizia alla comunità albese: il Governo sta lavorando a un “decreto infrastrutture” per le opere che non sono rientrate nel Piano nazionale di ripresa e resilienza, tra cui anche il terzo ponte sul Tanaro. Il Ministro ha assicurato che non ci saranno più grandi incompiute e che le nuove opere saranno all’insegna della semplificazione e dello snellimento della burocrazia.

Il ministro del Turismo, dopo un’estate positiva con il 30% di visitatori stranieri che ha scelto la nostra Penisola, ha evidenziato quelle che oggi sono due priorità: poter tornare a sciare quest’inverno e investire sul futuro mettendo al centro il turismo slow, in Italia possibile in tutte le regioni. Ha anche dichiarato che la Conferenza globale del turismo del vino che si terrà ad Alba nel 2022 sarà un’occasione unica per mettere in vetrina tutte le eccellenze nazionali del comparto enoturistico. Al Ministro il compito di affidare al primo cittadino albese la brocca simbolo della Global Conference con il passaggio di consegne dal Portogallo all’Italia.

Il presidente della Regione Piemonte ha voluto sottolineare come questa sia una giornata molto significativa, ma anche che arriviamo da mesi difficili che hanno reso ogni gesto significativo, dal sederci a ristorante a toglierci la mascherina. Per cui essere qui a inaugurare la Fiera ci rende felici, perché significa che siamo finalmente ripartiti, ma anche che dobbiamo essere consapevoli di come siamo arrivati a questo risultato. Con impegno, fatica e grazie a una campagna vaccinale che la Regione Piemonte ha condotto con efficacia, rendendo il nostro territorio una delle regioni classificate oggi tra le più sicure in Europa.

La presidente dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba Liliana Allena ha, invece, parlato del nuovo paradigma della Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, riassunto nel tema di questa 91esima edizione, “Connessi con la natura”, che affiancherà alla centralità dell’enogastronomia l’attualità di una sfida quanto mai contemporanea: quella della sostenibilità perché il Tartufo è, prima di tutto, un frutto della terra e, come prodotto naturale, è un termometro perfetto dello stato di salute del Pianeta che testimonia l’urgenza di un intervento non più derogabile. Per questo il territorio adesso deve lavorare sempre più per diventare un modello di sostenibilità, una sfida che si può vincere facendo sistema e lavorando insieme. Ha assicurato la disponibilità dell’Ente Fiera a essere un laboratorio che faccia diventare Langhe, Roero e Monferrato la destinazione enogastronomica più sostenibile al mondo. Alla presidente l’Ad di Bureau Veritas, Diego D’Amato, ha consegnato l’attestato della certificazione internazionale ISO 20121 sulla gestione sostenibile degli eventi.

Anche la Fondazione Crc, con i vice presidenti Ezio Raviola e Francesco Cappello, ha approfittato del palco del Sociale per un altro importantissimo annuncio per la città di Alba e il territorio: la conferma dell’impegno preso dal presidente Giandomenico Genta, insieme con le fondazioni bancarie piemontesi e la società Ream, a trasformare l’ex ospedale San Lazzaro in Casa della Salute.

Si sono poi alternati per i saluti istituzionali anche Luigi Barbero, presidente Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, Mauro Gola, presidente Confcommercio Cuneo e presidente Confindustria Cuneo, Roberto Gosso, presidente Cuneo Neve che ha annunciato la nuova partnership fra le stazioni sciistiche cuneesi e la kermesse albese, la sindaca di Torino nella veste di vice presidente Fit e presidente Comitato Organizzatore Atp Finals, e Antonio Auricchio, presidente Consorzio Gorgonzola Dop, altra eccellenza da quest’anno “gemellata” con il tartufo.

La cerimonia si è conclusa con il taglio del nastro del Mercato Mondiale del Tartufo nel cortile della Maddalena, da oggi aperto al pubblico ogni fine settimana fino al 5 dicembre.

 

Foto Gisella Divino