• Home »
  • Eventi »
  • Prorogata la scadenza del bando del servizio civile. Le proposte disponibili ad Asti
Prorogata la scadenza del bando del servizio civile. Le proposte disponibili ad Asti

Prorogata la scadenza del bando del servizio civile. Le proposte disponibili ad Asti

 

È stata prorogata la scadenza del bando per il Servizio civile universale al 10 febbraio.

Il Comune di Asti ha visto approvati i programmi ed i relativi progetti con ottimi punteggi. I posti messi a disposizione per il Comune di Asti e i suoi enti partner sono in totale 234. Attualmente restano ancora 80 posti da coprire su diverse sedi progettuali prive di domande.

La maggior parte dei progetti si svilupperà sul territorio del Comune di Asti e provincia ma in alcuni casi toccherà anche territori dell’alessandrino, della Granda e della provincia di Torino.

In particolare rispetto agli ambiti di rifermento non risultano domande pervenute nelle seguenti sedi:

  • Ambito Cultura – sedi: Museo Arti e mestieri di un tempo di Cisterna, Parrocchia San Martino di Asti.
  • Ambito Scuola e Nidi – sedi: Istituto della Consolata, Ufficio Istruzione Comune di Asti, Istituto Agrario sede di San Damiano, IC 2 Media Goltieri, IC 3 Primaria Gramsci, IC 3 Infanzia Collodi, IC 3 Media Parini, V° Circolo Primaria Donna (Serravalle), V° Circolo Primaria Rio Crosio, IC 4 Valli Media Monastero Bormida, IC Nizza M.to Infanzia Colania, IC Nizza M.to Media Dalla Chiesa, Nido Infanzia Coccinella Comune di Asti, Nido Infanzia Scoiattolo Comune di Asti.
  • Ambito Sportelli – sedi: ATC Agenzia Territoriale per la casa sede di Asti.
  • Ambito Fragilità – sedi: Casa di riposo di Tonco, Casa di riposo Città di Asti, Anfass Asti, Associazione Albero della Vita, Centro diurno Santo Spirito Comune di Asti, Associazione Alzheimer, Cisa Asti Sud, Croce Bianca, Politiche Sociali Uff. Anziani Comune di Asti, Uff. Educativa Territoriale Comune di Asti, CSV sede di Asti, Associazione Imparamare.

All’interno del bando è presente un progetto di “Servizio Civile Digitale” a cui il Comune di Asti ha partecipato con l’obiettivo di superare l’attuale gap sulle competenze digitali e di produrre un impatto positivo sulle comunità supportando i cittadini in riferimento alle pratiche digitali:

  • “Auxilium: nessuno resti solo anche in rete” – sedi prive di domande: Cisa Asti Sud e Cogesa

All’interno dei progetti il Comune di Asti ha previsto alcuni posti riservati ai giovani con un Isee inferiore a 10.000 euro.

Si ricorda ai giovani, con un’età compresa tra i 18 ed i 29 anni non compiuti al momento della domanda, che è possibile candidarsi esclusivamente on line tramite spid e che si potrà presentare domanda per un solo progetto e sede. I progetti hanno una durata di 12 mesi, con un orario di servizio pari a 25 ore settimanali oppure con un monte ore annuo di 1.145. E’ previsto un rimborso forfettario di 444,30 euro.

Per informazioni contattare l’Ufficio Servizio Civile al numero 0141/399534-423 o scrivere a serviziocivile@comune.asti.it o visualizzare le pagine Facebook e Instagram Servizio Civile Città di Asti ed Informagiovani dove si potranno trovare tutte le informazioni.

«Il Servizio Civile Universale – dichiarano il sindaco Maurizio Rasero e l’assessore alle Politiche Sociali Mariangela Cotto – costituisce una preziosa occasione per numerosissimi giovani che ogni anno, spinti da un forte spirito civico, partecipano ai vari progetti di Servizio civile messi in campo, anche sfidando contesti emergenziali come quelli imposti della pandemia che stiamo ancora affrontando.

Prestare Servizio Civile significa tutelare e promuovere i valori istitutivi della nostra città e del nostro paese, quali la protezione sociale, la solidarietà, il rispetto della dignità umana, valori che oltre a essere alla base del funzionamento di ogni democrazia, costituiscono un patrimonio di principi solidaristici e morali fondamentali per la crescita di ogni individuo. Ciò conferma la capacità del Comune e dell’assessorato di attirare nuove risorse e conferma l’attenzione verso i giovani, che avranno l’opportunità di una esperienza significativa a favore della collettività».