Mar. Nov 29th, 2022

 

Si è chiusa domenica 30 gennaio all’Enoteca tegionale del Roero, la stagione del tartufo 2021.

L’evento, che ha dovuto sostituire (causa pandemia) il raduno dei trifolao e dei cani da tartufo a conclusione della stagione tartuficola, ha dato occasione per fare un bilancio dell’annata, non iniziata nel migliore dei modi a causa della scarsità di tartufi.

La stagione è stata caratterizzata da scarsissime piogge e da una conseguente produzione molto limitata. Il raccolto scarso ha portato a un forte aumento dei prezzi, più che raddoppiati in alcuni periodi, ma la qualità è stata molto buona: il freddo è arrivato presto e con il freddo anche la maturazione perfetta del prodotto.

La grande novità è stata però nel riconoscimento del Patrimonio Unesco per la “Cerca e cavatura del tartufo in Italia” arrivato a dicembre 2021. Un successo che permetterà una crescita ulteriore del Piemonte in termini turistici e che richiede una progettualità per sottolineare il forte legame tra vino e tartufo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.