• Home »
  • Eventi »
  • Mariano Rabino neo presidente dell’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero. Dimissioni di Mauro Carbone
Mariano Rabino neo presidente dell’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero. Dimissioni di Mauro Carbone

Mariano Rabino neo presidente dell’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero. Dimissioni di Mauro Carbone

 

Si è svolta giovedì 28 aprile nella sala convegni del Castello di Grinzane Cavour, l’Assemblea dei Soci dell’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero.

L’Atl ha rinnovato le cariche sociali: Presidente, Consiglio d’Amministrazione, Collegio Sindacale e Organismo di Vigilanza. Mariano Rabino è stato eletto nuovo presidente dell’Ente Turismo, a conclusione del mandato del predecessore Luigi Barbero.

Il direttore Mauro Carbone ha riassunto le attività svolte nel primo semestre 2022 dall’ente; successivamente ha illustrato i progetti in via di sviluppo dell’Atl. A conclusione del suo intervento, Carbone ha informato i Soci delle sue prossime dimissioni dal ruolo di direttore dell’ente, dopo più di 24 anni di servizio.

Le cariche sociali sono state rinnovate come segue. Le nomine sono state approvate all’unanimità.

Consiglio d’amministrazione è composto da Elisabetta Grasso, designata dalla Regione Piemonte, Micaela Soldano, Massimo Borrelli, Gianni Minetti (amministratore delegato), Mariano Rabino (Presidente). Il collegio sindacale è composta da Angelo Dabbene (presidente), Luisa Mazzuccato, Roberto Berzia, Paolo Zoccola (supplente), Elisa Saracco (supplente).

Il bilancio consuntivo, al 31 dicembre 2021, è stato approvato all’unanimità dall’Assemblea presente.

I numeri di Langhe Monferrato Roero indicano la presenza di 1386 strutture ricettive, 60 prodotti turistici pubblicati sul sito www.visitlmr.it, 141 itinerari ufficiali, 100 Punti d’Interesse individuati sul territorio, 5 lingue di pubblicazione delle brochure tematiche (italiano, inglese, francese, tedesco, russo).

Ha dichiarato Mariano Rabino, neo presidente dell’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero: «Ci aspetta un grande lavoro, l’eredità è importantissima. Grazie a tutte le persone che, fin dal 1996, anno di costituzione del primo Ente di promozione territoriale, hanno lavorato per rendere grande questo territorio. La traccia è già stata segnata, spetta al nuovo CdA mantenere la sostenibilità della nostra offerta turistica. La sfida è la coopetition, una parola inglese di recente creazione: unire la collaborazione alla competizione per migliorarci e raggiungere nuovi obiettivi e target».