Confindustria Cuneo: la parola ai Comuni sull’Ato gestione acqua

Confindustria Cuneo: la parola ai Comuni sull’Ato gestione acqua

Dalla pianura fossanese alle colline del Roero. Confindustria Cuneo continua a dare voce ai Comuni della provincia di Cuneo che, come lei, hanno manifestato perplessità sui contenuti e sull’impostazione del Piano d’Ambito 2018-2047, presentato dall’Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale n. 4 Cuneese nel luglio scorso e adottato con l’82% dei voti favorevoli lo scorso 11 settembre. Dopo il sindaco di Fossano, Davide Sordella, è il primo cittadino di Canale, Enrico Faccenda, a spiegare le ragioni del voto contrario dato dall’Area Omogenea Roero (AO6), da lui rappresentata nell’Ato 4, al piano che governerà la gestione del ciclo idrico nella Granda per i prossimi trent’anni. Il Roero conta 20 Comuni ed ha una popolazione di 50mila abitanti, circa il 10% dell’intera popolazione della provincia di Cuneo.

Le preoccupazioni del Sindaco del Comune di Canale, Enrico Faccenda, che rappresenta anche i 20 Comuni dell’Area Omogenea Roero all’interno dell’Ato 4: “Innanzitutto ci tengo a dire che la nostra è una posizione ampiamente condivisa da tutto il territorio che rappresento all’interno dell’Ato 4, in quanto prima di esprimerci ci siamo confrontati a lungo fino a trovare una posizione condivisa da tutti – spiega Enrico Faccenda, Sindaco di Canale e rappresentante dell’Area Omogenea Roero nell’Ato 4 -. La prima questione riguarda proprio lo studio fatto da Hydrodata Spa per l’Ato del Cuneese, che non prevede alcuni interventi di fondamentale importanza non solo per il Roero ma per tutta la provincia di Cuneo. Mi riferisco a pozzi di captazione del Roero, che forniscono più di 500 litri di acqua al secondo e soddisfano il 20% del fabbisogno dell’intera provincia. In annate di prolungata siccità, come quella che stiamo ancora vivendo, è stato evidente come ad aver salvato la situazione non sono state le captazioni di montagna, che si sono esaurite presto perché meno profonde, quanto piuttosto quelle come le nostre, in quanto la falda del Roero, trovandosi anche 100 metri sotto il livello del suolo, è meno influenzata dall’andamento climatico generale. Certo, se la siccità dovesse malauguratamente prolungare, prima o poi anche la nostra falda si prosciugherebbe, ma è un dato di fatto che quest’estate la sua presenza sia stata di importanza strategica generale, non a caso abbiamo fornito l’acqua ai Comuni dell’Alta Langa. Per tutte queste ragioni, il Piano dell’Ato deve prevedere investimenti importanti per la manutenzione dei pozzi esistenti ma anche per il loro rifacimento, in quanto non sono opere eterne. In secondo luogo, sono insufficienti anche gli investimenti previsti sulla manutenzione ordinaria, in quanto, considerando l’estensione dell’intera rete provinciale, con il piano previsto ci vorranno 300 anni per sostituire le condotte dell’acqua potabile e addirittura 700 anni per cambiare quelle della rete fognaria. Nelle osservazioni che stiamo preparando, proporremo di spostare alcune risorse dalle grandi opere, sicuramente necessarie, agli interventi di manutenzione sia ordinaria che straordinaria, altrimenti rischiamo veramente di rimanere senza acqua, in quanto le tubature esistenti hanno già i loro anni e quelle nuove previste non arriveranno in tempi brevi. Infine, ad onor del vero, l’Ato 4 ci ha assicurato che le questioni che abbiamo sollevato verranno prese seriamente in considerazione”.

Fossano
“Le nostre perplessità riguardano soprattutto il piano degli investimenti, che, al di là della forma di gestione, secondo noi ha bisogno di alcuni correttivi. Non bisogna però mai dimenticare che gli interventi devono trovare un punto di equilibrio tra l’ottimale ed il realizzabile, essendo gli stessi collegati alla tariffa finale per il cittadino. – spiega Davide Sordella, Sindaco di Fossano -. Se non si tiene in debito conto l’importanza della manutenzione straordinaria, ormai necessaria per gli attuali impianti sia idrici che fognari, si corre il rischio di pagare un conto più salato dopo. Lo abbiamo toccato con mano nel nostro centro storico quando per realizzare un banale intervento sulla rete idrica, si è dovuta invece sostituire tutta la linea anche fognaria per vetustà. Come Città di Fossano, dopo esserci confrontati con il gestore attuale, abbiamo già segnalato le nostre proposte all’ATO e continueremo a farlo tramite lo strumento delle osservazioni al piano. Ci sono a disposizione 90 giorni a partire dall’assemblea dell’11 di settembre e non c’è veramente tempo da perdere per migliorare il documento. Detto ciò non bisogna mai dimenticarsi che sarà importante trovare un punto di equilibrio tra gli investimenti da fare, sia su opere nuove che su opere esistenti, e la tariffa che ne deriverà, affinché la loro incidenza non sia eccessiva per le tasche dei cittadini”.