• Home »
  • Eventi »
  • Alba, può ripartire l’iter per il terzo ponte sul Tanaro grazie ai Fondi Crosetto
Alba, può ripartire l’iter per il terzo ponte sul Tanaro grazie ai Fondi Crosetto

Alba, può ripartire l’iter per il terzo ponte sul Tanaro grazie ai Fondi Crosetto

 

I “fondi Crosetto”, 24 milioni e 750 mila euro destinati ad interventi di viabilità complementari all’autostrada Asti-Cuneo nel cuneese, sono stati sbloccati.

Dopo il pressing congiunto di Provincia di Cuneo, Comune di Alba e gli altri comuni coinvolti, con il supporto del senatore Marco Perosino, le risorse messe a disposizione dal 2006 con scadenza nel 2021, sono ora utilizzabili. La comunicazione ufficiale è arrivata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Il contributo è vincolato alla realizzazione di quattro interventi in tre comuni: ad Alba il terzo ponte sul fiume Tanaro e collegamenti (12.000.000 euro); a Cherasco la variante all’abitato (7.549.800 euro); a Bra il sottopassaggio Bergoglio (3.000.000 euro) e la variante di Pollenzo (2.200.200 euro).

Il sindaco di Alba, Carlo Bo commenta: «Abbiamo recuperato 12 milioni di euro che la città ha rischiato di perdere definitivamente per un’opera attesa da decenni e ritenuta da tutti fondamentale non solo per la viabilità albese, ma di tutto il territorio. La mancanza di infrastrutture adeguate ci ha sempre isolati e penalizzati. Da parte nostra ci siamo impegnati a reperire le risorse mancanti e, in questi mesi, ho già ricevuto il sostegno di molte importanti realtà produttive locali. Finalmente abbiamo la possibilità di concretizzare un progetto strategico rimasto troppo a lungo in un cassetto».

Il senatore Marco Perosino spiega: «Dopo aver seguito la vicenda come delegato provinciale, ho continuato a farlo anche da Roma. Ci sono voluti quasi due anni per sbloccarla. E’ stata una procedura complessa. Temevamo che la Provincia dovesse anticipare la somma, cosa impensabile, e di perdere alcune annualità di contributo. Ora siamo arrivati a una svolta. I fondi ci sono e occorre procedere con assoluta celerità. Il progetto di Cherasco è appaltabile e gli altri tre devono ripartire quanto prima».