Barolo, al Wimu tornano le visite dedicate alle famiglie

Barolo, al Wimu tornano le visite dedicate alle famiglie

 

Tornano le visite del WiMu delle famiglie al Museo del Vino di Barolo (Wimu). Da domenica 14 giugno, e così ogni seconda domenica del mese, i più piccoli potranno scoprire gli allestimenti dell’avveniristico museo accompagnati da mamma e papà attraverso visite guidate o fai-da-te in totale sicurezza, nel rispetto di tutte le normative anti contagio.

Come sempre, sono due le modalità per scoprire il WiMu delle famiglie. La prima è la Visita-Family e prevede un tour guidato in cui il personale parlerà del Museo, del castello Falletti e dei suoi allestimenti in un linguaggio rivolto soprattutto ai bambini. La visita ha un taglio molto dinamico, con contenuti diversi che cambiano con il trascorrere delle stagioni. Che cosa avviene tra i filari in questo periodo di fine primavera? Cosa fanno i vignaioli in vista dell’estate? Ecco un modo divertente per scoprire quando e come si fanno lavori in vigna, come si affrontano le piogge e le grandini, cosa rappresenta per la terra e le piante il sole. Si potranno addirittura annusare i profumi dell’estate, come quello del fieno appena falciato. Le stesse sale del Museo dedicate alle stagioni saranno quelle in cui ci si soffermerà di più. Alla fine della visita, ogni famiglia porterà a casa un “pezzo di Museo”, una sorta di ricordo di un luogo speciale. La durata del tour è di circa un’ora e i gruppi saranno di 8 persone al massimo nel rispetto delle normative sulle distanze. Eccezionalmente per il mese di giugno, la Visita-Family prevede un doppio turno di visita, alle 11,30 e alle 16.

Il Gioco-Family è una modalità di visita invece più “fai-da-te”, fruibile durante tutto l’orario di apertura del museo in sicurezza (dalle 10,30 alle 19, ultimo ingresso alle 18). Chi si avventurerà nel castello Falletti potrà acquistare in biglietteria un diario di viaggio, da compilare con gli spunti e le impressioni suscitate dal moderno allestimento ideato dall’architetto svizzero Confino: il paesaggio, il vino, la natura, il lavoro dell’uomo e tanti altri aneddoti.

Per informazioni nel dettaglio: www.wimubarolo.it