Mar. Nov 29th, 2022

 

Considerato il particolare periodo che stiamo attraversando dovuto all’emergenza sanitaria Covid-19, l’Amministrazione comunale di Alba ha stanziato quest’anno 274 mila e 500 euro per sostenere le iniziative che, sul proprio territorio, sono finalizzate da un lato alla socializzazione educativa dei minori e dall’altra al supporto delle famiglie con figli.

Alle attività estive rivolte ai minori dai 3 ai 17 anni, organizzate in collaborazione con il Consorzio Socio Assistenziale Alba Langhe e Roero, è stata destinata la somma complessiva di 264 mila euro.

Tale somma ha permesso di calmierare le rette delle famiglie e allo stesso tempo di favorire la partecipazione dei bambini dei nuclei familiari più fragili seguiti dal servizio sociale, la partecipazione dei bambini con disabilità e garantire l’attivazione di tutte le misure di prevenzione Covid-19 e la formazione degli operatori coinvolti.

I centri estivi per i ragazzi 6-17 anni che hanno aderito all’iniziativa comunale sono:

G.S.S. Cassiano; Comitato Piazza San Paolo; Cooperativa “Il Pianeta” con Centro Giovani H- Zone; Centro Campo di Atletica “Augusto Manzo” e Centro Mussotto; Casa della Giovane; Casa Maria Ausiliatrice; Turismo in Langa/Associazione Pons; Associazione “Noi Moretta”; Cooperativa Alice presso l’Oratorio “Cristo Re”.

Mentre i centri estivi dedicati ai bambini 3-5 anni che hanno aderito sono: la Scuola Materna Asilo Infantile “Città di Alba”; la Scuola dell’infanzia Paritaria “Maria Ausiliatrice”; la Scuola Materna “Nostra Signora Del Suffragio” e la Cooperativa Sociale “Il Pianeta”.

Considerato che a luglio la normativa ha permesso di avviare anche i centri estivi per i bimbi 0-2 anni, sempre per calmierare le quote di iscrizione, l’Amministrazione comunale ha stanziato ulteriori 10 mila e 500 euro di cui 7 mila euro a favore delle famiglie residenti. Proprio le famiglie residenti ad Alba potranno chiedere al Comune un contributo “una tantum” di 30 euro a bambino, a settimana, per il numero di settimane di iscrizione ai centri estivi. Altri 3 mila e 500 euro sono stati stanziati dall’Amministrazione per l’adeguamento a tutte le normative di prevenzione e contenimento del virus.

Oltre al Nido Comunale “L’Ippocastano” con massimo di 20 bimbi, i centri estivi per i bimbi 0-2 anni sono il Nido “Il Fiore” per un massimo di 15 bimbi, l’Asilo Infantile Scuola Materna “Città di Alba” per un massimo di 5 bimbi, ed il baby parking “Babylandia” sempre per un massimo di 5 bimbi.

«Tante sono state le risorse che l’Amministrazione ha voluto mettere a disposizione sia delle famiglie che degli organizzatori delle attività estive – sottolinea l’assessore ai Servizi sociali Elisa Boschaizzo – affinché in città potessero partire queste iniziative rivolte ai bambini ed ai ragazzi albesi. Dal 22 giugno sono partiti i progetti per i bambini più grandi e, nonostante le stringenti misure di prevenzione e sicurezza richiesti dalle normative, sono soddisfatta dell’avvio, da luglio, anche di alcuni centri estivi per la fascia 0-2 anni. Ringrazio tutti gli operatori del Consorzio Socio Assistenziale e del Comune che mi hanno affiancato nella complessa organizzazione di queste attività e tutti i gestori dei vari centri che, nonostante le difficoltà del momento, hanno colto la sfida offrendo un valido servizio educativo alle tante famiglie albesi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.