• Home »
  • Eventi »
  • Alba, inaugurata la nuova sede dell’Inail nei locali dell’ex tribunale
Alba, inaugurata la nuova sede dell’Inail nei locali dell’ex tribunale

Alba, inaugurata la nuova sede dell’Inail nei locali dell’ex tribunale

 

Venerdì 16 luglio ad Alba è stata inaugurata la nuova sede degli uffici Inail (Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro) ubicata in una porzione dell’ex tribunale albese, con ingresso da piazza Medford.

Al taglio del nastro, il sindaco di Alba Carlo Bo con l’assessore ai Lavori pubblici Massimo Reggio, insieme al direttore regionale Inail Piemonte Giovanni Asaro, al direttore provinciale Inail Cuneo Aldo Pensa, vicino al presidente del Tribunale di Asti Giancarlo Girolami, all’ex sindaco di Alba ed attuale consigliere regionale Maurizio Marello, al consigliere provinciale Massimo Antoniotti e a diverse personalità del territorio.

I locali proprietà del Comune di Alba sono stati restaurati nei mesi scorsi dall’Amministrazione albese per renderli idonei all’insediamento degli uffici dell’Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro.

Durante i lavori, sono state demolite parzialmente le tramezzature interne, sostituite con altre nuove. Rifatte la pavimentazione e i rivestimenti e installati nuovi serramenti in alluminio agli ingressi e nuove porte all’interno della sede. È stato realizzato un nuovo blocco di servizi igienici suddivisi per utenza disabile, personale maschile e personale femminile. Creati un nuovo archivio e un nuovo magazzino dotati di pareti e porte antincendio. Rifatto l’impianto elettrico, integrate le lampade di emergenza ed è stato installato un nuovo quadro elettrico. Il tutto per un investimento complessivo di 186.086,00 euro finanziati totalmente dall’Amministrazione comunale.

Per la concessione degli spazi, è stato stipulato un accordo tra il Comune e l’l’Inail – Direzione Regionale per il Piemonte. La nuova sede Inail si trova di fronte agli uffici Inps ed è aperta al pubblico dal 21 giugno.

«Rivedere il nostro ex tribunale di nuovo sede di attività e servizi importanti per la città ed il territorio è una grande soddisfazione – ha sottolineato il sindaco di Alba Carlo Bo –. Prima gli uffici del Giudice di Pace, poi lo Sportello di Prossimità, la nuova sede Inps ed ora l’Inail. Stiamo continuando a lavorare per arrivare ad utilizzare di nuovo completamente tutto l’edificio e farne un polo di servizi utili ai cittadini e alle nostre tante imprese».

«Ringrazio l’Amministrazione – ha dichiarato il direttore regionale Inail Piemonte Giovanni Asaro – per aver consentito questa ricollocazione che consente di consolidare la presenza dell’Inail su questo territorio, importante dal punto di vista economico-imprenditoriale. Per noi, avere una sede accanto ad altri enti come l’Inps, è assolutamente essenziale. La vicinanza agevola spesso anche il dialogo».

«Ringrazio chi c’è oggi e le amministrazioni del Comune di Alba che si sono impegnate insieme all’Inail per trovare questa sistemazione per noi ottimale – ha detto il direttore provinciale Inail Cuneo Aldo Pensa – Grazie all’intelligenza degli amministratori qui si sta creando un polo pubblico con grandi sinergie per l’utenza che nello stesso posto trova l’Inps, l’Inail, per un servizio migliore e degno di aspettative».

«Quando abbiamo capito che non c’erano speranze di riapertura del tribunale – ha ricordato l’ex sindaco di Alba ed attuale consigliere regionale Maurizio Marello – come Amministratori abbiamo lavorato per consolidare quei servizi importanti a rischio chiusura nella nostra città: il Giudice di Pace, lo Sportello di Prossimità, l’Inps e poi la ricollocazione dell’Inail. Sarebbe stato un peccato lasciare questo edificio in stato di abbandono. Ringrazio l’Amministrazione Bo che ha voluto portare avanti quel progetto».

La cerimonia è stata benedetta dal parroco del Duomo, don Dino Negro. Sono anche intervenuti il consigliere provinciale Massimo Antoniotti ed il presidente del Tribunale di Asti Giancarlo Girolami. Hanno partecipato pure i consiglieri comunali Alberto Gatto, Mario Marano, Daniele Sobrero ed il capogabinetto del sindaco Leonardo Prunotto.

 

Foto di Gisella Divino