• Home »
  • Archivio »
  • 420.000 euro in beneficenza dall’Asta mondiale del Tartufo bianco D’Alba
420.000 euro in beneficenza dall’Asta mondiale del Tartufo bianco D’Alba

420.000 euro in beneficenza dall’Asta mondiale del Tartufo bianco D’Alba

 

I migliori esemplari di Tartufo Bianco d’Alba, in abbinamento a prestigiose bottiglie di Barolo e Barbaresco, presentati nei grandi formati magnum, sono stati mandati all’incanto in occasione della XX edizione dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, rinnovando il collaudato connubio tra questo magnifico prodotto della terra e la solidarietà internazionale.

Ciascuna delle quattro piazze dell’Asta – Grinzane Cavour, Hong Kong, Mosca e Singapore – ha battuto magnifici lotti di tartufi, per contendersi infine in competizione diretta il magnifico lotto conclusivo. Negli ultimi due lotti dell’Asta sono stati assegnati anche due panettoni giganti al Moscato, del peso di 10 e 20 chilogrammi, firmati da Albertengo, storica azienda di Torre San Giorgio (Cn).

Il ricavato complessivo dell’edizione 2019 dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba ammonta a 420.000 euro, una delle somme più alte raccolte nella storia dell’evento. Il clamoroso lotto finale con un Tartufo Bianco d’Alba del peso di 1.005 grammi è stato conquistato da un imprenditore di Hong Kong dopo una gara al cardiopalma tra le quattro piazze, per l’incredibile cifra di 120.000 euro.

Quanto raccolto sarà devoluto alla Fondazione Nuovo Ospedale Alba Bra Onlus ed altri soggetti meritevoli sul territorio; all’Istituto “Mother’s Choice” di Hong Kong che aiuta bambini senza famiglia e giovani madri in difficoltà; a Mosca il sostegno andrà al Dmitry Rogachev National Medical Research Center of Pediatric Hematology, Oncology and Immunology, centro di ricerca d’avanguardia specializzato per le malattie ematologiche, oncologiche ed immunologiche dell’infanzia e nella diagnostica molecolare; a Singapore, tributaria dei fondi raccolti sarà la World Food Future – Educate, discern, nourish, realtà di promozione dell’educazione al cibo e della consapevolezza dei consumi.

In sala a Grinzane Cavour gran divertimento con un amico storico dell’Asta, il comico Enzo Iacchetti direttamente dal tg satirico di Canale 5 “Striscia la notizia”. A condurre l’Asta e a mandare all’incanto i lotti di tartufi e vini è stata la presentatrice televisiva Rai Caterina Balivo, in collaborazione con il giornalista gastronomico Paolo Vizzari. Presente a Grinzane anche il mondo dello spettacolo con il cantante e storico componente dei Pooh, Roby Facchinetti; un tocco di charme e bellezza è stato portato dalla top model Carmen Kass, appassionata del territorio, dei prodotti e dello stile di vita delle Langhe.

Apprezzatissimi dal pubblico – in collaborazione con Alba Music Festival – gli intermezzi musicali del tenore Gian Luca Pasolini e del soprano coreano Injeong Hwang, accompagnati al pianoforte da Michela Verda, su arie di Giacomo Puccini e Giuseppe Verdi.

Tra il pubblico, numerose autorità politico-istituzionali, rappresentanti delle forze dell’ordine e del mondo imprenditoriale. Tra gli altri, il vice presidente della Regione Piemonte Fabio Carosso (che in qualità di assessore ha delega specifica al Tartufo), l’assessore all’Agricoltura della Regione Marco Protopapa, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo Giandomenico Genta, il presidente del Centro Nazionale Studi Tartufo Antonio Degiacomi.

A Mosca – dopo la prestigiosa conferenza stampa svoltasi giovedì 7 novembre presso l’Ambasciata alla presenza dell’ambasciatore d’Italia nella Federazione Russa, Pasquale Terracciano e del presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio – domenica 10 novembre direttamente dalla Piazza Rossa, c’era il presidente dell’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, Luigi Barbero.

A Hong Kong, ancora una volta lo chef Umberto Bombana ha ospitato l’Asta in collaborazione con l’Associazione Mother’s Choice e la società Arète Food&Wine di Maria Pranzo. Qui, in collegamento quali ambasciatori dei nostri grandi vini rossi sono stati il presidente e il direttore del Consorzio Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, Matteo Ascheri e Andrea Ferrero.

Alla National Gallery di Singapore, alla presenza del presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, dell’ambasciatore d’Italia a Singapore Raffaele Langella e del sindaco di Grinzane Cavour Gianfranco Garau, grande entusiasmo per la prima edizione dell’Asta in questa straordinaria metropoli d’Oriente.

L’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba è solita attribuire il riconoscimento speciale di “Ambasciatore del Tartufo Bianco d’Alba nel mondo” a chef che impiegano con maestria il pregiato fungo ipogeo. A riceverlo quest’anno: Massimiliano Alajmo, della celebre famiglia padovana a capo di un gruppo dedito alla cucina di altissimo livello e Yong Zhang, nato a Linhai, una cittadina nella provincia di Zhejiang nel sud della Cina, è il fondatore e lo chef esecutivo del gruppo Xinrongji.

Infine un attestato di riconoscenza è stato attribuito a Tomaso Zanoletti, che nel presiedere l’Enoteca Regionale Piemontese Cavour ha notevolmente contribuito, insieme allo staff organizzativo, a far crescere l’Asta fino agli odierni straordinari risultati.

L’organizzazione dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba® si deve all’Enoteca Regionale Piemontese Cavour, al Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, al prezioso supporto della Regione Piemonte e dell’Enit-Agenzia Nazionale Italiana del Turismo e alla collaborazione con l’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero e con l’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba.

 

Foto di Maurizio Milanesio