• Home »
  • Eventi »
  • Barolo, le opere degli Impressionisti in mostra con le sculture di Sebastian
Barolo, le opere degli Impressionisti in mostra con le sculture di Sebastian

Barolo, le opere degli Impressionisti in mostra con le sculture di Sebastian

 

Un’estate all’insegna dell’arte internazionale a Barolo. Da Corot a Monet, Renoir e Cézanne, arrivano nell’Aula Picta in piazzetta Falletti gli impressionisti con la mostra “Segni e Disegni”, un’accurata selezione di rari disegni, pastelli, acquerelli e opere grafiche di artisti come Claude Monet, Paul Cézanne, Pierre Auguste Renoir, Camille Pissarro, Paul Signac e molti altri. Veri capolavori dell’arte mondiale, tra firme note e meno note, di pittori che hanno preso parte alle otto mostre impressioniste ufficiali che si sono tenute alla fine del XIX secolo a Parigi, la prima nell’aprile del 1874 nello studio del famosissimo fotografo Nadar, ovvero Gaspard-Félix Tournachon.

E così, da sabato 25 luglio e fino all’1 novembre, si possono ammirare in Langa alcune opere dei più importanti maestri della corrente impressionista, ma anche di alcuni dei loro più illustri gregari, come Jean-Louis Forain, Henry Somm, Eugène Boudin, Armand Guillaumin, Marcellin Desboutin e tanti altri, fino a comporre un percorso inedito sugli studi e le ricerche che portarono, in un’epoca di grandi sconvolgimenti, a uno dei più importanti movimenti artistici di tutti i tempi.

Tra le sorprese che riserva l’esposizione a Barolo, il pastello di Pierre Auguste Renoir dal titolo “La Saône se jetant dans les bras du Rhône”, che racconta l’incontro dei due fiumi di Lione, Saone e Rodano, mentre si trasformano rispettivamente in una donna dalle forme sinuose e in un uomo barbuto. Realizzato dal grande pittore francese per la città di Lione, il pastello apparteneva al famoso mercante d’arte Ernst Beyeler.

Il percorso espositivo “Segni e Disegni” presenta una cinquantina di opere, di cui una piccola parte sarà esposta anche nel castello di Barolo, nella sala degli Stemmi del WiMu-Museo del Vino. Inoltre, dopo la riapertura post-lockdown nei weekend, il WiMu continua ad allungare le visite in settimana. A partire dal 23 luglio, il museo progettato da François Confino nel castello Falletti sarà aperto anche il giovedì.

Oltre alla mostra “Segni e Disegni”, direttamente dalla Biennale di Venezia e da un’importante esposizione parigina arrivano a Barolo anche le sculture di Sebastian, il famosissimo artista messicano Enrique Carbajal, noto per le sue monumentali opere in acciaio e cemento, tra cui una serie di sculture “gate” come la Gran Puerta a México a Matamoros, Tamaulipas, e il celebre “Caballito” situato nel centro di Città del Messico.

Le sculture di Sebastian si possono ammirare nei luoghi più significativi tra le vie del borgo e davanti al castello Falletti, sede del WiMu. La mostra è organizzata dal Comune di Barolo in collaborazione con l’Ambasciata del Messico in Italia e Diffusione Italia.

Info e prenotazioni scrivendo a prenotazioni@barolofoundation.it