Dogliani e Monticello: è qui la Festa di Natale!

Dogliani e Monticello: è qui la Festa di Natale!

PRESEPE DI DOGLIANI: LA STORICITA’ DELLA RAPPRESENTAZIONE

1975: una data importante per il paese di Dogliani. Un gruppo di giovani amici nella sera del 24 dicembre iniziano una grande avventura, proponendo la rappresentazione del “Presepe Vivente”.
Una intuizione nata a cena, quasi per scherzo, per vivacizzare l’attesa del Natale in Borgo Castello. Così viene descritta quella 1ª edizione: “Con tante idee, poche risorse, tanta buona volontà e l’aiuto dei compaesani, quell’anno avviene la 1ª Edizione del Presepe Vivente. Questo era il programma: alle 20,30, in chiesa, con una breve recita c’è l’annunciazione a Maria. Gli spettatori escono, giunge un centurione a cavallo che legge l’editto di Ottaviano e poco dopo giungono Maria e Giuseppe con l’asinello che chiedono ospitalità nelle cinque osterie senza ottenerla. Ci sono circa 250 comparse che, con le attrezzature più impensate, svolgono il loro lavoro nelle cantine, nei garage e nei porticati disseminati in tutte le vie del borgo. Gelindo, pastore langarolo, indica con un lungo dialogo in piemontese a Giuseppe e Maria la capanna per riposarsi. L’impianto voce trasmette L’Alleluia e sul Torrione appaiono gli Angeli e la cometa che annuncia la nascita di Gesù. Il pubblico sfila silenzioso e devoto davanti alla Sacra Famiglia e i pastori intonano i loro canti” (Fonte www.prolococastello.it). E’ così da un’idea quasi scherzosa “Il Presepe Vivente” è diventato un appuntamento per molti visitatori che non si perdono neanche un’edizione di questa manifestazione che è la più storica. E così la Pro Loco di Dogliani Castello organizza anche quest’anno una due giorni in cui il paese si veste di storicità, di fascino, di spiritualità. Le vie doglianesi diventano le vie di Betlemme, gli abitanti vestono i panni del popolo che accolse il Messia nella grotta, lo Spirito del Natale scalda le menti ed i cuori del pubblico, tra le voci, i rumori e la magia della notte. Il Presepe Vivente di Dogliani viene allestito con grande impegno tra legna da tagliare, stoppe e canne da legare, arredi da preparare per rendere reali le botteghe artigiane, le locande, la grotta, e tutto il necessario per rendere l’evento affascinante e suggestivo. Si vedono scene di vita quotidiana del tempo, tra pastori erranti, viandanti infreddoliti, abitanti del tempo indaffarati. E, in tutto questo, spiccano le figure di Maria e Giuseppe in cerca di un riparo per la notte, consono alla Nascita di Gesù Bambino.
La scena inizia proprio dalla ricerca della camera: i due sposi percorrono sul dorso dell’asino le strette vie del Borgo antico in mezzo alla gente, e, grazie alle indicazioni del buon “Gelindo”, pastore langarolo che rappresenta l’operoso popolo contadino, che vive legato saldamente alle proprie radici ed alle proprie tradizioni, trovano la grotta. E qui il pubblico può vivere tutto il “calore” di quel momento speciale. La grotta, allestita nell’antico Torrione medioevale del paese, accoglie la paglia, il bue e l’asinello (veri, come tutti i personaggi), Maria, Giuseppe ed il Bambino. La musica rilassante dei pastori, ed il rispettoso e allegro silenzio delle persone che fanno visita a Gesù, arricchiscono anima e corpo.
Visitare almeno una volta “Il Presepe Vivente” di Dogliani Castello, creato e diretto senza un vero regista o coreografie altisonanti, è quasi d’obbligo, per vivere bene l’antivigilia e la Vigilia di Natale, in preparazione al Natale. Come vuole la tradizione, la manifestazione si svolge con qualsiasi condizione atmosferica ed è ad ingresso con offerta libera. I visitatori sono accolti in ampi parcheggi illuminati ed è attivo un servizio navetta che dalla chiesa parrocchiale del Borgo porta i visitatori all’entrata del Presepe presso il Castello.

MONTICELLO: E’ QUI IL VILLAGGIO DI NATALE

Il Villaggio di Babbo Natale è anche presente nelle Langhe e non solo in Lapponia. A Monticello d’Alba, nel cuore del Roero, presso la Manufatti Sant’Antonio, da alcuni anni il gigante buono con la barba bianca ed il vestito rosso fa visita agli amanti del Santo Natale. E l’atmosfera è magica: pini, illuminazioni, addobbi, presepe, mercatini, scenografie, mercatini, tutto richiama al Natale.
Qui per due mesi è sempre Natale: novembre e dicembre si vestono di rosso, di magia, di spiritualità, di divertimento, tra sacro e profano, tra antico e moderno, tra divertimento e riflessione.
Il villaggio si estende su 10 mila m², ed il suo cuore pulsante è la Casa di Babbo Natale, realizzata in legno, riproduzione fedele dell’originale abitazione di Rovaniemi in Lapponia, disposta su due piani e costruita nel 2009, dove Babbo Natale in persona prende con le sue possenti braccia i bambini e sederli delicatamente sulle sue forti gambe per raccogliere le loro letterine ed esaudire i desideri. Intorno alla sua dimora si svolgono i Mercatini di Natale che con il patrocinio del Comune di Monticello d’Alba sono giunti all’undicesima edizione, ed ai quali partecipano molti espositori di svariati settori merceologici, tutti selezionati e di qualità. In questo Villaggio non può mancare il divertimento: pista di pattinaggio per bambini ed adulti, spettacoli dal vivo (Da non perdere l’Orchestra Polar Bear Band e il Presepe Riflesso costruito nel 2016 dai maestri Cantamessi by Jolly Christmas), la giostra del “Carrousel” stile ‘800 per far vivere a grandi e piccini un’emozione antica.
E ci sono anche le “Le Renne di Natale”, che tornano a grande richiesta dal 18 novembre fino all’Epifania. La grande attrazione accoglierà piccini ed adulti su tante piccole slitte su un percorso circolare con emozionanti discese in totale sicurezza per provare l’ebbrezza del viaggio di Babbo Natale mentre consegna i regali a tutti nel mondo, tra musica, suoni, colori e tanto divertimento.
Orari: il Villaggio è aperto fino al 23 dicembre da lunedì a sabato: 9 – 12/14.30 – 19. Domenica e festivi: orario continuato 9 – 19. Chiuso il lunedì mattina. Dal 26 dicembre 2017 al 6 gennaio 2018 aperto tutti i giorni: 14.30 – 19. Chiuso il 31 dicembre e 1° gennaio.
La “Casa di Babbo Natale”: dal 12 novembre al 26 novembre 2017 tutti i sabato 14.30 – 19, domenica e festivi continuato 10 – 19. Dal 1° dicembre al 23 dicembre 2017 tutti i giorni feriali 14.30 – 19. Domenica e festivi continuato 10 – 19.
Babbo Natale sarà presente al Villaggio dal 12 novembre al 26 novembre 2017 tutti i sabato e domenica 14.30 – 18. Dal 1° Dicembre al 23 Dicembre 2017 tutti i giorni 14.30 – 18.
Possibilità di prenotare laboratori didattici in lingua inglese per scuole o gruppi privati (minimo 5 bambini).
Pista di Pattinaggio: dal 19 novembre al 23 dicembre 2017 (tempo permettendo) tutti i giorni 14.30 – 18.30. Domenica e festivi continuato 10 – 18.30. Chiusa il 24 Dicembre ed a Natale. Dal 26 dicembre 2017 al 6 gennaio 2018 (tempo permettendo) tutti i giorni: 14.30 – 18.30. Chiusa 31 dicembre e 1° gennaio 2018. E tutti i mercoledì si pattina gratis.
Le Renne di Babbo Natale: dal 18 novembre al 6 gennaio 2018 da lunedì a sabato 10 – 12/14.30 – 19. Domenica e festivi orario continuato 10 – 19. Chiuso il 24-25-31 dicembre 2017 ed il 1° gennaio 2018.