Alba, festa per le coppie da nozze d’oro

Alba, festa per le coppie da nozze d’oro

 

Le nozze d’oro sono sempre un bel traguardo. Significa aver trascorso 50 anni insieme, cosa che si verifica sempre meno nella nostra società, anche in provincia. Ad Alba ogni anno si ripete una cerimonia per celebrare le coppie che hanno raggiunto questo importante traguardo e quest’anno la festa si è svolta domenica 15 aprile nella splendida cornice della chiesa di San Domenico. Ben 51 coppie sposate nel 1968, data quanto mai simbolica, hanno colto l’invito dell’Amministrazione comunale a festeggiare insieme.

Ad accogliere i protagonisti con le congratulazioni del Comune è stato il sindaco Maurizio Marello insieme al vice sindaco Elena Di Liddo, accanto agli assessori Fabio Tripaldi e Luigi Garassino, insieme al consigliere Tina Ciongoli.

«È un momento molto semplice per ricordare questo importante traguardo dei 50 anni di matrimonio – ha spiegato il sindaco Maurizio Marello, salutando i coniugi –. Dal 2013 abbiamo avviato questa esperienza con le coppie sposate nel 1963. Voglio ringraziare l’assessore di allora Franco Foglino perché fu lui a volere questa cerimonia. È un gesto doveroso di ringraziamento che la città vuol fare a voi perché una coppia, una famiglia non sono una questione privata ma un’istituzione che dà un contributo alla comunità. Le coppie come voi, sposate negli anni ’60 hanno attraversato stagioni difficili come le battaglie per il diritti ed il terrorismo negli anni ’70. In quel periodo Alba cresceva di oltre mille persone all’anno. Nel 1957 aveva 13 mila abitanti, nel 1973 era arrivata a 33 mila abitanti. Le amministrazioni hanno lavorato per implementare e costruire reti, fognature, scuole ed altri servizi trasformando quella che era una chiusa cittadina di provincia nella città turistica internazionale che è oggi, patrimonio dell’umanità Unesco per i paesaggi vitivinicoli e per l’enogastronomia. Anche voi avete fatto la vostra parte affinché questa comunità potesse crescere e trasformarsi. Per questo vi ringraziamo».

Dopo il saluto di accoglienza, il primo cittadino ha fatto gli auguri ad ogni singola coppia omaggiandola con una stampa de “Il matrimonio della Vergine” tratto dalla predella della pala d’altare della Sacra Famiglia con Sant’Anna e San Giovannino, opera dipinta tra il 1510 ed il 1520 da un pittore piemontese, forse della cerchia del Macrino e oggi esposta nella sala consiliare Teodoro Bubbio del Palazzo comunale albese.

La cerimonia è stata allietata dalle note musicali al flauto intonate da Maddalena Bertaina e Bianca Stroppiana, allieve del Civico Istituto Musicale Lodovico Rocca, seguite dalla professoressa Elisa Parodi.

La sesta edizione della festa si è conclusa con un rinfresco nel Teatro sociale Busca, dove gli sposi hanno ringraziato l’Amministrazione per la bella giornata.

Nel 1968 ad Alba sono stati celebrati 188 matrimoni, tutti religiosi. Alla celebrazione in San Domenico hanno partecipato 51 coppie su 111 residenti nella capitale delle Langhe; si tratta di: Bruno Abbona e Gabriella Ponchione, Doviglio Abrigo e Teresa La Manna, Angelo Alessandria e Margherita Giusio, Alessandro Audisio e Margherita Roccatagliata, Bruno Barbero e Franca Magliano, Giuseppe Bergui e Carolina Costa, Giovanni Bignante e Marcolina Pira, Enrico Blengio e Teresa Fissore, Franco Bolla e Adda Cavallo, Gian Carlo Bongiovanni e Carla Bertorello, Luigi Bonino e Nella Revello, Franco Bordino e Giuseppina Saglietti, Diego Bua e Anna Maria Casano, Renzo Cardelli e Rosella Rivetti, Natale Valentino Colombo e Anna Maria Campogrande, Ottavio Cossu e Vanda Viglino, Agostino Costa e Stefanina Boffa, Giuseppe Ferrero e Antonietta Chianea, Romano Filiberto e Maria Lora, Bruno Fiorentino e Attilia Giacone, Nicola Foggetti e Anna Rosa Tafuni, Luigi Francone e Mariangela Sardo, Renato Genta e Maria Follis, Felice Giachello e Teresa Boella, Carlo Giacosa e Mirella Casavecchia, Giuseppe Giordano e Teresa Portinaro, Giocondo Grasso e Maria Berta, Giacinto Lombardi e Marisa Drocco, Giorgio Maghenzani e Maria Teresa Costa, Bruno Mantovani e Carla Delfina Prato, Mario Marengo e Silvana Bergese, Sergio Mondo e Gabriella Spagarino, Pierino Morengo e Alda Boffa, Sergio Novello e Lucia Brusco, Luigi Pereno e Aimetta Gabriella Tismato, Piero Piano e Santina Cornaglia, Luciano Promio e Maria Teresa Reina, Renato Rabellino e Maria Allario, Mario Rao Spinelli e Rosa Carbone, Remo Reginelli e Maria Rosa Troia, Livio Revello e Carla Diotti, Luigi Ribero e Maria Occelli, Giovanni Rinaldi e Elsa Lanzone, Ercole Riva e Franca Testore, Franco Rossi e Severina Agosto, Aldo Ruella e Gloria Robaldo, Franco Sacco e Giuseppina Giacosa, Giuseppe Salemi e Antonetta Scaperrotta, Teresio Sasso e Piera Bianco, Mario Trinchero e Maria Turco, Luigi Vacchetta e Anna Ramella.