Asti, sospesi i mercati del 25 aprile e del 1° maggio

Asti, sospesi i mercati del 25 aprile e del 1° maggio

 

Il sindaco di Asti Maurizio Rasero ha firmato un’ordinanza che dispone la chiusura dei mercati del 25 aprile e del 1° maggio.

In precedenza, per consentire l’applicazione delle norme per il contenimento della diffusione del Coronavirus, si è stabilito un calendario di svolgimento dei vari mercati cittadini e rionali, prevedendo per ogni giorno della settimana (dal lunedì al sabato) una bilanciata rotazione. Il 25 aprile e il 1à maggio sono due giornate festive e i rispettivi mercati, di piazza Campo del Palio (del sabato) e di piazza Catena e di via Pavese (del venerdì) andrebbero anticipati ai giorni precedenti non festivi, sovrapponendosi in questo modo a quelli già programmati. In questo modo però si modificherebbero gli equilibri dei mercati già definiti e la sovrapposizione impatterebbe negativamente sulla predisposizione delle misure organizzative, non consentendo tra l’altro il puntuale presidio delle aree mercatali da parte della Polizia municipale.

Di qui la decisione della sospensione dei due mercati che non verranno nemmeno spostati.

Dal punto di vista dei dati epidemiologici riguardanti la Regione, quelli forniti nella serata di ieri, domenica 19 aprile indicano in 2.440 (304 in più del giorno prima) il numero dei pazienti guariti: 193 (+32) in provincia di Alessandria, 91 (+7) in provincia di Asti, 100 (+11) in provincia di Biella, 260 (+32) in provincia di Cuneo, 216 (+57) in provincia di Novara, 1.293 (+141) in provincia di Torino, 129 (+10) in provincia di Vercelli, 123 (+7) nel Verbano-Cusio-Ossola, 35 (+7) provenienti da altre regioni. Altri 1.648 sono “in via di guarigione”, ossia negativi al primo tampone di verifica dopo la malattia e in attesa dell’esito del secondo.

Sono stati invece 78 i decessi di persone positive al test del “Coronavirus Covid-19” comunicati dall’Unità di Crisi. Il totale complessivo è ora di 2.302 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi su base provinciale: 455 ad Alessandria, 116 ad Asti, 144 a Biella, 172 a Cuneo, 218 a Novara, 942 a Torino, 132 a Vercelli, 99 nel Verbano-Cusio-Ossola, 24 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte.

Sono infine 20.581 (+627 complessivi rispetto a ieri), le persone finora risultate positive al “Covid-19” in Piemonte: 2.762 in provincia di Alessandria, 1.040 in provincia di Asti, 758 in provincia di Biella, 1.982 in provincia di Cuneo, 1.945 in provincia di Novara, 9.871 in provincia di Torino, 967 in provincia di Vercelli, 924 nel Verbano-Cusio-Ossola, 216 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 116 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 322 (-6 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 3.184. Le persone in isolamento domiciliare sono 10.685. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 94.278, di cui 48.384 risultati negativi.