• Home »
  • Archivio »
  • Questa estate il festival “Paesaggi e Oltre” vuole portare il teatro fra Langa e Monferrato
Questa estate il festival “Paesaggi e Oltre” vuole portare il teatro fra Langa e Monferrato

Questa estate il festival “Paesaggi e Oltre” vuole portare il teatro fra Langa e Monferrato

 

Il festival “Paesaggi e oltre. Teatro e musica d’estate nelle terre dell’Unesco” promosso dalla Comunità Collinare Tra Langa e Monferrato costituisce un ventennio di esperienze di rilievo regionale e nazionale, che hanno attirato ogni anno sempre più pubblico e turisti.

La guida artistica, progettuale e organizzativa è del Teatro degli Acerbi, impresa di spettacolo con grande esperienza nel realizzare spettacoli ed eventi sui e per i territori.

La programmazione si sviluppa ogni anno nel cuore dell’estate con più appuntamenti nei quattro paesi e nei nuclei frazionali dei Comuni della Comunità Collinare “Tra Langa e Monferrato”.

Il programma del festival è da anni un originale proposta fuori dai teatri per valorizzare il patrimonio architettonico di valore storico nelle sue tappe/luoghi: a Costigliole d’Asti il Castello luogo di cultura riaperto e valorizzato, a Castagnole delle Lanze i cortili del Centro Storico e Torre del Conte Paolo Ballada di Saint Robert, a Coazzolo il sentiero della Madonna del Carmine tra le vigne e le colline fino alla chiesetta Madonna del Carmine dipinta dall’artista David Tremlett e il nuovo anfiteatro nel paesaggio, a Montegrosso d’Asti la piazza del castello che domina la vallata. E poi i luoghi nascosti e panoramici nelle frazioni costigliolesi.

Il presidente della Comunità Collinare Carlo Mancuso ed i quattro sindaci si erano incontrati più volte con la direzione artistica nell’autunno ed inverno, per tracciare le rotte per il festival 2020. Ha dichiarato Mancuso: «Per un definire nuovo e rinnovato rapporto con i luoghi in cui è inserito, per elevare l’offerta culturale e dei linguaggi anche per un pubblico di turisti che vivono il territorio nell’estate. Il tutto con investimenti, con un maggiore coinvolgimento della Regione Piemonte, con più date e nuovi luoghi su questo territorio fuori dalle rotte usuali del quotidiano; un affinamento della ricerca della coltivazione della bellezza della propria persona e a livello esperienziale. Ed un miglioramento dell’organizzazione nei luoghi e della promozione»

Questo a fronte di un seguito di pubblico in costante aumento: in molti casi le richieste di prenotazione non si sono potute più accogliere già prima dell’evento, in altre i partecipanti sono stati molto superiori a quelli che il contesto poteva contenere, con medie complessive ad appuntamento di oltre duecento partecipanti ed oltre duemila spettatori complessivi.

Pensando all’oggi e all’emergenza sanitaria in corso, gli organizzatori esprimono comunque la volontà nel realizzare il festival nell’estate, in luoghi all’aperto come già in passato. In primis per le richieste e l’interesse del pubblico e per rinnovare l’incontro con le persone, unico e irripetibile nello spettacolo dal vivo e quanto mai necessario dopo questi mesi di isolamento, anche emotivo.

Hanno aggiunto il presidente Mancuso e Massimo Barbero del Teatro degli Acerbi: «Vorremmo offrire un ritrovato spazio protetto per i sogni, per meglio affrontare le quotidiane difficoltà della vita. E per continuare un percorso già noto fuori dai teatri, che si può legare con le limitazioni di incontro di questo periodo e per il quale non si dovrà stravolgere un progetto, che già si fonda su elementi semplici ed essenziali per i quali si dovranno solo limitare il numero dei luoghi ed attuare le norme di accoglienza e distanziamento del pubblico che verranno definite».

Si ha in idea di offrire più repliche degli spettacoli ed in orari e luci diverse, per venire incontro alle richieste e continuare un percorso visivo emozionale di immersione nei luoghi ospitanti già ampiamente sperimentato in passato. Il programma del festival negli ultimi anni si è caratterizzato per prove d’artista, teatro popolare e narrazione, musica nel e per il paesaggio. In alcuni casi creazioni apposite per i siti di spettacolo e prime assolute.

Si dovrà rinunciare per quest’anno ad un ampliamento del programma e dei luoghi, all’ospitalità di artisti internazionali ed un percorso di sviluppo turistico-culturale della proposta in integrazione coi sistemi culturali a cui si stava lavorando. Ma si potrà, per chi vorrà seguirlo, offrire un nuovo emozionante viaggio culturale tra Langa e Monferrato in luoghi e situazioni protette. Ove possibile arricchendo il programma con le consuete “pillole” di paesaggio.

In tal senso il Teatro degli Acerbi è già “attrezzato” per la “fase 2” ed ha già pronto con la Comunità Collinare un programma di artisti e spettacoli per il cuore dell’estate che si sviluppi in questa direzione ed ha rinnovato il dialogo e la rete di collaborazione con altri festival regionali e del nord Italia affini a queste linee artistiche ed organizzative, come ad esempio “I Luoghi dell’Adda” e “L’ultima luna d’estate” di Teatro Invito di Lecco e partecipando a svariati tavoli di lavoro in questo periodo, in contatto anche con le Istituzioni.

Ora si attendono solo disposizioni operative dal Governo e dalla Regione circa la possibilità di realizzare spettacoli dal vivo all’aperto questa estate e con quali regole e limitazioni.

Aggiungono gli organizzatori: «Di conseguenza affineremo il programma e l’organizzazione: ma partire da un’idea artistica fondata, un progetto già strutturato di teatro fuori dai teatri all’aperto e nel paesaggio e con molta esperienza in campo organizzativo sui territori è una base fondamentale. E ci ritroveremo, dove Il paesaggio si fa teatro e il teatro diventa paesaggio».

Il festival è promosso Comunità Collinare Tra Langa e Monferrato, con il contributo di Regione Piemonte, Fondazione C.R. Asti e Fondazione C.R.T e la collaborazione dei quattro comuni facenti parte dell’unione Castagnole Lanze, Coazzolo, Costigliole d’Asti e Montegrosso d’Asti. Ha il patrocinio dell’Associazione per il patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato Unesco, che lo riconosce come l’iniziativa culturale estiva astigiana che meglio estrinseca i valori da essa promossi e intenti perseguiti legando cultura, turismo e territorio. Ha una rinnovata partnership con il nuovo Ente Turismo Langhe Monferrato Roero.